Animali narranti

Perché raccontiamo, leggiamo e scriviamo storie. Conduce Giovanni Del Ponte - Siamo tutti aspiranti abitatori di quella che William Matthew Barrie, creatore di Peter Pan, ha battezzato Neverland, l’Isola che non c’è. Siamo l’animale che racconta storie. Per quale motivo? Da dove nasce il piacere di narrare? Assolve a uno scopo? Giovanni Del Ponte ha scritto i suoi romanzi per riflettere su argomenti come l’ecologia, il bullismo, la non-località della coscienza, il fenomeno degli hikihomori, le più recenti ipotesi della fisica quantistica… Servendosi delle sue storie come di una mappa, si muoverà fra narrazioni, neuroscienze, filosofia, psicologia, proponendo agli ascoltatori gli interrogativi che lo hanno ispirato e consentendoci di sbirciare dietro le quinte del lavoro di uno scrittore.

Perché raccontiamo, leggiamo e scriviamo storie

Conduce Giovanni Del Ponte

Ogni venerdì alle ore 22

Siamo tutti aspiranti abitatori di quella che William Matthew Barrie, creatore di Peter Pan, ha battezzato Neverland, l’Isola che non c’è. Siamo l’animale che racconta storie. Per quale motivo? Da dove nasce il piacere di narrare? Assolve a uno scopo?
Giovanni Del Ponte ha scritto i suoi romanzi per riflettere su argomenti come l’ecologia, il bullismo, la non-località della coscienza, il fenomeno degli hikihomori, le più recenti ipotesi della fisica quantistica… Servendosi delle sue storie come di una mappa, si muoverà fra narrazioni, neuroscienze, filosofia, psicologia, proponendo agli ascoltatori gli interrogativi che lo hanno ispirato e consentendoci di sbirciare dietro le quinte del lavoro di uno scrittore.

Tutti i Podcast sono disponibili anche su:
Spreaker https://www.spreaker.com/show/animali-narranti
YouTube https://www.youtube.com/playlist?list=PLwO9cq3nKGOqhAWritVW1uEnAvp1HDa4o 
Spotify https://open.spotify.com/show/0BXD2VxY4HuxpuwsYHoy9S

 

BACKSTAGE: Il segreto di Misty Bay, prima parte. Fonti d’ispirazione: qualche romanzo e un paio di film. - Conduce Giovanni Del Ponte - Con questa puntata inauguriamo il ciclo BACKSTAGE, in cui Giovanni Del Ponte vi porta dietro le quinte dei suoi romanzi. Comincerà con il raccontarvi delle fonti d’ispirazione letterarie alla base del suo primo libro, Gli invisibili. Il segreto di Misty Bay: Le avventure di Peter Pan, Il buio oltre la siepe, Il Popolo dell’autunno... - Cambiare o cancellare storie e autori del passato per una società più inclusiva: è giusto farlo? O rischiamo di avviarci verso un futuro alla Fahrenheit 451? Nella prima parte della puntata, faremo una panoramica su alcune delle più recenti e imprevedibili derive del politically correct, soffermandoci, in particolare, sull’arbitraria revisione compiuta sui testi dello scrittore per bambini Roald Dahl.

Il favoloso mondo… del politically correct - Conduce Giovanni Del Ponte - Cambiare o cancellare storie e autori del passato per una società più inclusiva: è giusto farlo? O rischiamo di avviarci verso un futuro alla Fahrenheit 451? Nella prima parte della puntata, faremo una panoramica su alcune delle più recenti e imprevedibili derive del politically correct, soffermandoci, in particolare, sull’arbitraria revisione compiuta sui testi dello scrittore per bambini Roald Dahl.

SCUOLA: un nuovo approccio ai laboratori di scrittura - Conduce Giovanni Del Ponte - Potere trasformativo delle storie: è possibile infonderlo in un laboratorio scolastico? Conviene davvero invitare uno scrittore a tenerne uno? E quale potrebbe essere il suo peculiare contributo? Laboratori di scrittura o laboratori di narrazione: che differenza c’è? Perché la scienza dello storytelling dovrebbe essere tra le materie scolastiche? È quanto cercheremo di scoprire!

La Storia perfetta - Conduce Giovanni Del Ponte - Nelle scorse puntate abbiamo scoperto il segreto sul perché esistano le storie e perché non possiamo farne a meno; poi abbiamo appreso dalle neuroscienze che per gli esseri umani tutto è narrazione, compresi loro stessi… Vedremo ora se esista una ricetta per realizzare… la Storia perfetta!

Il Difetto fatale dei personaggi - Conduce Giovanni Del Ponte - Dedicheremo la prima parte della puntata alle tante sfumature della fallibilità: il punto debole, gli handicap dei personaggi… Per concentrare poi la seconda su un tipo di errore così complesso e articolato, da diventare il nocciolo da cui sono germogliate alcune delle migliori storie del nostro immaginario: il Difetto fatale. Una ferita profonda di cui i protagonisti sono solo in parte consapevoli, perché vi hanno costruito intorno una parte cruciale della loro identità.

Narrazione e neuroscienze, seconda parte - Conduce Giovanni Del Ponte - Seconda e ultima parte del nostro rapido excursus su narrazione e neuroscienze. Vedremo che sono profondamente intrecciate, a riprova che per noi umani le storie sono tutto e che, in fin dei conti, noi stessi siamo storie. Ma i progressi della scienza stanno davvero sollevando il velo su alcuni dei più grandi misteri: l’arte e la coscienza? Per l’umanità sarebbe un passo enorme sul cammino della consapevolezza, perché in gioco ci sarebbe la risposta all’Interrogativo Cruciale di ogni dramma e di ogni protagonista: chi sono io? E le storie possono davvero insegnare a ognuno di noicomevivere, per sempre, felici e contenti?

Narrazione e neuroscienze, prima parte - Conduce Giovanni Del Ponte - In questa e nella prossima puntata, affronteremo il rapporto fra narrazione e neuroscienze. Vedremo che sono profondamente intrecciate, a riprova che per noi umani le storie sono tutto e che, in fin dei conti, noi stessi siamo storie. In sostanza, svolgeremo un’indagine su come il nostro cervello crei mondi, significati e sfide morali: è infatti un vero e proprio narratore che elabora storie continuamente e dà un volto umano anche agli oggetti, umanizzandoli e creando personaggi. Alla fine del percorso, ci interrogheremo su quanto i progressi della scienza stiano davvero sollevando il velo su alcuni dei più grandi misteri umani: l’arte e la coscienza.

Puntata Zero: perché esistono le storie? E perché non possiamo farne a meno? - Conduce Giovanni Del Ponte - Come nascono le storie? A cosa servono? Perché non possiamo farne a meno? Ogni cultura ha risposte e tipologie di storie diverse, ma quello su cui tutti gli studiosi concordano è che raccontarle oralmente, per iscritto, attraverso suoni, disegni, colori, forme… sia un istinto primario e ancestrale dell’essere umano. L’ipotesi di Jonathan Gottschall, ne “L’istinto di narrare” (ed. Bollati Boringhieri), è che il nostro sentirci attratti dalla finzione narrativa non dipenda da un’anomalia dell’evoluzione (come si è creduto a lungo); al contrario, la natura ci ha progettati per amare le storie. E ciò ci riconduce alla domanda: perché? Nel corso della puntata nr. 0 di Animali narranti, si avanzeranno alcune ipotesi.